CONTRATTO COLLETTIVO NAZIONALE DI LAVORO

    per i dipendenti dalle autoscuole e dagli studi di consulenza automobilistica

    Art. 43 (Apprendistato professionalizzante)

    (Vedi accordo di rinnovo in nota)
    1. Le parti riconoscono in tale tipologia contrattuale uno strumento prioritario per l'acquisizione delle competenze utili allo svolgimento della prestazione lavorativa ed un percorso orientato tra sistema scolastico e mondo del lavoro utile a favorire l'incremento dell'occupazione giovanile.
    2. Il contratto di apprendistato professionalizzante può essere instaurato con i giovani di età compresa tra i 18 e i 29 anni ed è finalizzato alla qualificazione dei lavoratori attraverso un percorso di formazione sul lavoro e l'acquisizione di competenze di base, trasversali e tecnico-professionali.
    3. Per i soggetti in possesso di una qualifica professionale, conseguita ai sensi della legge 28 marzo 2003, n. 53, il contratto di apprendistato professionalizzante può essere stipulato a partire dal diciassettesimo anno di età.
    4. La formazione si realizza tramite la partecipazione a percorsi formativi interni o esterni all'azienda.
    5. Disciplina del rapporto:
    a. per instaurare il rapporto di apprendistato professionalizzante è necessario un contratto scritto tra azienda e lavoratore, nel quale devono essere indicati: la qualificazione che potrà essere acquisita al termine del periodo di formazione, sulla base degli esiti della formazione aziendale o extraziendale, la durata del periodo di apprendistato, il piano formativo;
    b. il contratto di apprendistato professionalizzante può essere instaurato per i lavoratori operai e impiegati, dei livelli dal 5° al 1° e per tutte le relative mansioni;
    c. può essere convenuto un periodo di prova di durata non superiore a quanto previsto per li livello corrispondente alle mansioni che l'apprendista è destinato a svolgere. In ogni caso il periodo di prova non potrà superare 30 giorni di effettiva presenza al lavoro, e viene computato agli effetti della durata dell'apprendistato;
    d. la durata massima del periodo dell'apprendistato professionalizzante è fissata in:
    - 48 mesi per gli apprendisti destinati ad essere inseriti nei livelli 3°, 4° e 5°;
    - 36 mesi per gli apprendisti destinati ad essere inseriti nel livello 2°;
    - 24 mesi per gli apprendisti destinati ad essere inseriti nel livello 1°;
    e. ai fini della durata dell'apprendistato, il periodo di apprendistato professionalizzante svolto presso altri datori di lavoro deve essere computato per intero nella nuova azienda, sempreché riguardi le stesse mansioni e l'interruzione tra i due periodi non sia superiore a 12 mesi;
    f. saranno inoltre computati i periodi di apprendistato svolti nell'ambito del diritto-dovere di istruzione e formazione;
    g. l'inquadramento e il relativo trattamento economico è così determinato:
    Livelli    Durata mesi    1° periodo mesi    2° periodo mesi    3° periodo mesi
    1°    24            24
    2°    36        24    12
    3°    48    16    16    16
    4°    48    16    16    16
    5°    48    16    16    16


    - nel primo periodo di apprendistato professionalizzante: due livelli sotto quello di destinazione finale;
    - nel secondo periodo: un livello sotto quello di destinazione finale;
    - nel terzo ed ultimo periodo: inquadramento al livello di destinazione finale;
    h. l'intero periodo di apprendistato professionalizzante è utile ai fini della maturazione dell'anzianità aziendale, anche ai fini degli aumenti periodici di anzianità; tali aumenti saranno corrisposti nelle misure previste dal livello di appartenenza;
    i. agli apprendisti si applicano tutti gli istituti retributivi del livello a loro attribuito stabiliti dal presente c.c.n.l. ed a livello aziendale per i lavoratori a tempo indeterminato; sono comunque fatti salvi gli accordi esistenti in materia di apprendistato;
    j. per quanto concerne il trattamento di malattia e infortunio per il personale assunto con contratto di apprendistato professionalizzante è confermata la normativa di cui all'art. 22 del presente c.c.n.l.;
    k. l'azienda potrà procedere alla ulteriore assunzione di lavoratori apprendisti a condizione che sia mantenuto almeno il 60% del numero degli apprendisti in scadenza nei 24 mesi precedenti. Detta regola non trova applicazione sino a due unità non confermate;
    l. a tal fine non si computano i lavoratori che si siano dimessi, quelli licenziati per giusta causa e quelli che, al termine del rapporto di apprendistato, abbiano rifiutato la proposta di rimanere in servizio con rapporto di lavoro a tempo indeterminato.
    6. Svolgimento della formazione:
    a. i principi convenuti nel presente capitolo sono volti a garantire una uniforme applicazione sul territorio nazionale delle regole sulla formazione nell'apprendistato professionalizzante;
    b. ai fini del conseguimento della qualificazione vengono giudicate idonee alla formazione 120 ore medie annue retribuite, computate a tutti gli effetti nell'orario di lavoro. In caso di contratto di apprendistato a tempo parziale, la durata della formazione non è riproporzionata;
    c. per completare l'addestramento dell'apprendista in possesso di titolo di studio post-obbligo ovvero di attestato di qualifica professionale idoneo rispetto all'attività da svolgere, la durata della formazione è ridotta a 60 ore medie annue retribuite;
    d. l'apprendista è tenuto a frequentare regolarmente e con diligenza le iniziative formative esterne o interne all'azienda;
    e. in caso di interruzione del rapporto prima del termine il datore di lavoro attesta l'attività formativa svolta;
    f. la funzione di tutore può essere svolta da un unico referente formativo aziendale anche nel caso di pluralità di apprendisti. Nelle imprese fino a 15 dipendenti la funzione di tutore della formazione può essere svolta direttamente dal datore di lavoro.
    7. Ai fini dell'art. 35 della legge n. 300/1970, utile il numero dei lavoratori con contratto di apprendistato.
    Profili formativi
    I seguenti profili formativi si articolano in una parte uguale per tutti attinente alle competenze tecnico professionali generali e in una parte differenziata attinente alle competenze tecnico professionali specifiche. Le parti si danno reciprocamente atto che qualora intervenissero disposizioni in materia di formazione per apprendistato non compatibili con l'impianto contrattuale, si incontreranno per valutare eventuali armonizzazioni.
    Competenze tecnico professionali generali - Parte comune a tutti i profili
    - Conoscere il contesto di riferimento dell'impresa e le nozioni di base sulla struttura organizzativa
    - Conoscere e utilizzare, ove necessario, gli strumenti informativi, con particolare riguardo a quelli adottati nella propria area di attività
    - Conoscere e utilizzare, ove necessario, le nozioni di base di una lingua straniera
    - Conoscere la normativa di base relativa al settore di appartenenza
    - Conoscere la normativa del lavoro, del c.c.n.l. e della sicurezza.
    Competenze tecnico professionali specifiche dei profili formativi
    1) Addetti alle attività di amministrazione/segreteria
    - Gestione flussi informativi e comunicativi
    - Organizzazione e gestione archivio cartaceo ed elettronico
    - Trattamento documenti amministrativo contabili
    - Organizzazione riunioni ed eventi di lavoro
    - Gestione corrispondenza
    2) Addetti alla contabilità
    - Configurazione sistema della contabilità generale
    - Principi ragionieristici di base
    - Trattamento operazioni fiscali e previdenziali
    - Elaborazione bilancio aziendale *
    3) Addetti alle attività informatiche
    - Conoscenza di base dei sistemi informativi
    - Conoscenza linguaggi e tecniche di programmazione
    - Gestione operativa
    - Manutenzione e supporto
    - Sicurezza dei sistemi informatici
    4) Addetti alle pratiche automobilistiche
    - Classificazione, immatricolazione, collaudo e revisione dei veicoli
    - Normativa sulle patenti di guida
    - Norme sull'accesso alla professione di autotrasportatore
    - Disciplina trasporto di cose in conto terzi e in conto proprio
    5) Delegato alla funzione di autenticatore
    - Nozioni di Codice Civile
    - Nozioni di Codice Penale
    - Disciplina della documentazione amministrativa
    - Cenni normative PRA e Nautica
    - Responsabilità penale e civile
    6) Insegnante di teoria
    - Conoscenza della normativa del Codice della Strada
    - Psicologia dell'insegnante
    - Elementi di comunicazione
    - Conoscenza tecnica del veicolo (motori ed organi di comando)
    - Elementi di primo soccorso
    - Elementi di sicurezza stradale
    - Normativa attività autoscuola
    - Programmi formazione conducenti
    7) Istruttore di guida
    - Conoscenza della normativa del Codice della Strada
    - Psicologia del discente
    - Elementi di comunicazione
    - Attestato pratico alla guida
    - Sicurezza nell'esercitazione
    - Ecologia e economia della guida
    - Gestione dello stress dell'allievo
    8) Insegnante e istruttore per conducenti professionali
    - Conoscenza della normativa sull'autotrasporto
    - Elementi di sicurezza sul lavoro
    - Controllo del veicolo in situazioni di emergenza
    - Tecnica del trasporto merci
    - Tecnica del trasporto passeggeri
    - Analisi della circolazione e organizzazione della mobilità
    9) Insegnante ed istruttore per veicoli a due ruote
    - Psicologia e analisi comportamentale dell'adolescente
    - Fisica e dinamica dei veicoli a due ruote
    - La meccanica dei ciclomotori e dei motocicli
    - Traumatologia e incidentalità legate ai veicoli a due ruote
    - Dispositivi di sicurezza attiva, passiva e attrezzatura di protezione individuale
    ----------
    N.d.R.: L'accordo 25 giugno 2012 prevede quanto segue:


    E' stato sottoscritto il seguente accordo in materia di apprendistato professionalizzante.
    Le parti convengono di modificare la disciplina dell'apprendistato professionalizzante di cui all'art. 43 del c.c.n.l. autoscuole e studi di consulenza automobilistica del 23 giugno 2010 e successive modificazioni per recepire le nuove disposizioni introdotte sulla materia dal D.Lgs. n. 167/2011 (Testo unico sull'apprendistato). A tal fine si conviene quanto segue.


    1) Le disposizioni del presente accordo si applicano ai contratti di apprendistato stipulati successivamente al 25 aprile 2012. Agli apprendisti assunti entro la suddetta data continuerà ad applicarsi fino alla scadenza del contratto di apprendistato la precedente disciplina legale e contrattuale in forza del regime transitorio di cui all'art. 7, comma 7 del citato decreto n. 167/2011.

    2) La durata del contratto di apprendistato è fissata in:


    - 36 mesi per gli apprendisti destinati ad essere inseriti nei livelli 2°, 3°, 4° e 5°;
    - 24 mesi per gli apprendisti destinati ad essere inseriti nel livello 1°.
    La presente disposizione annulla e sostituisce quella prevista dall'art. 43, comma 5, lett. d) del c.c.n.l.

    3) La tabella di cui all'art. 43, comma 5, lett. g) del c.c.n.l., concernente l'inquadramento e il relativo trattamento economico dell'apprendista, è sostituita dalla seguente:

     

    LIVELLO DURATA MESI 1° PERIODO MESI 2° PERIODO MESI 3° PERIODO MESI
    24 - - 24
    36 12 12 12
    36 12 12 12
    36 12 12 12
    36 12 12 12




    Restano ferme le altre disposizioni di cui al suddetto comma.


    4) Nei confronti di ciascun apprendista l'azienda è tenuta ad erogare un monte ore di formazione interna o esterna pari a 80 ore medie annue retribuite, computate a tutti gli effetti nell'orario di lavoro (ivi compresa la formazione teorica iniziale prevista dall'accordo Stato-regioni del 21 dicembre 2011) per l'acquisizione delle competenze tecnico-professionali e specialistiche; tale formazione sarà integrata dall'offerta formativa pubblica, laddove esistente, prevista dalle regioni per l'acquisizione di competenze di base e trasversali (art. 4, comma 3 del D.Lgs. n. 167/2011). In caso di contratto di apprendistato a tempo parziale, la durata dell'apprendistato non è riproporzionata.
    La presente disposizione annulla e sostituisce il comma 6, lett. b) dell'art. 43 del c.c.n.l.


    5) La formazione può essere erogata, in tutto o in parte, all'interno dell'azienda interessata, presso altra azienda del gruppo o presso altra struttura di riferimento. La formazione può essere svolta in aula, "on the job", nonché tramite lo strumento della formazione a distanza (FAD) e strumenti di "e-learning".
    6) La formazione effettuata sarà registrata nel libretto formativo del cittadino. In attesa della piena operatività del libretto formativo, la registrazione della formazione potrà avvenire anche attraverso supporti informatici e fogli firma che attestino l'avvenuta formazione.
    7) Per tutto quanto non disciplinato dalla presente intesa si fa riferimento a quanto già previsto dall'art. 43 del c.c.n.l., nonché alle vigenti disposizioni di legge.
    8) Le parti convengono che, qualora intervengano significative modifiche legislative sull'istituto dell'apprendistato, si incontreranno per operare le opportune armonizzazioni ai contenuti del presente accordo.
    ----------
    N.d.R.: L'accordo 13 dicembre 2016 prevede quanto segue:
    Apprendistato - Dichiarazione congiunta
    Le parti, nel condividere l'importanza del contratto di apprendistato ritenuto quale valido strumento di ingresso dei giovani nel mercato del lavoro e volendo valorizzare anche il contratto di apprendistato di I e III livello, concordano di costituire una Commissione per la definizione di una regolamentazione che tenga conto delle nuove diposizioni normative contenute negli artt. 41, comma 2, lett. a) e c), 45, commi 3 e 7 del D.Lgs. n. 81/2015. A tal fine la Commissione si riunirà entro 3 mesi dalla data di sottoscrizione del presente accordo di rinnovo, esaminando anche la tematica del diritto allo studio.

    Hai una domanda?
    Inserisci sotto la tua domanda in merito a questo articolo, un nostro collaboratore ti risponderà il prima possibile.
    Please enter your email!
    Scrivi qui la tua domanda

    ©2021 Unasca - Viale di Val Fiorita, 88 - 00144 ROMA - TEL. 0654221986 - FAX 065916542 - P.IVA 01022261000 - C.F. 01969910585 | Sito: Genova Informatica

    I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi.

    Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra.

    Approvo